C’è un "Futuro prossimo" per "L’Isola dei libri" di Tempio Pausania

Dal 29 gennaio al 3 marzo 2021 ritorna la seconda edizione di "Qui c’è aria di cultura" con una serie di appuntamenti (alle 18.00) in diretta streaming.

"Futuro prossimo" per "L’Isola dei libri" di Tempio Pausania
"Futuro prossimo" per "L’Isola dei libri" di Tempio Pausania
Dal 29 gennaio al 3 marzo 2021 ritorna la seconda edizione di "Qui c’è aria di cultura" con una serie di appuntamenti (alle 18.00) in diretta streaming.

Quando
venerdì 29/01/2021

mercoledì 03/02/2021

venerdì 05/02/2021

domenica 07/02/2021

mercoledì 10/02/2021

venerdì 12/02/2021

mercoledì 17/02/2021

venerdì 19/02/2021

mercoledì 24/02/2021

venerdì 26/02/2021

domenica 28/02/2021

mercoledì 03/03/2021

Il "Futuro prossimo" che guarda alle nuove tecnologie, all’integrazione dei saperi e delle diverse modalità di comunicazione, e quindi al libro nelle sue differenti declinazioni, sarà al centro della seconda edizione di Qui c’è aria di cultura, l’evento di promozione dell’editoria libraria sarda che quest’anno si svolgerà in diretta streaming sulla pagina facebook dell’AES per un mese di appuntamenti (tutti alle 18.00), dal 29 gennaio al 3 marzo 2021.

L’iniziativa, inserita nel circuito "L’isola dei libri", è organizzata dal Comune di Tempio Pausania e dall’Associazione Editori Sardi, in sinergia con la Biblioteca comunale e con il patrocinio e il sostegno economico dell’assessorato regionale alla Cultura.

Il tema - "Futuro prossimo" è intimamente correlato all’idea che il libro, nella sua concezione tradizionale del formato cartaceo, non possa essere dissociata dalle più ampie visioni offerte dal contesto attuale. E questo grazie al rapporto di mutua reciprocità e sinergia che è possibile creare tra le dimensioni semantiche del linguaggio e le sue diverse forme espressive. È così che parole, immagini e suoni trovano relazione non solo con la stampa tradizionale, ma con l’universo digitale, il multimediale e il crossmediale.

Promozione dell'isola - Questo intreccio di saperi e forme di comunicazione si presta a restituire l’immagine e la cultura locale, «esito e strumento di meticciati linguistici, identitari e culturali» – sostengono gli organizzatori – e possibile chiave di salvezza e sostenibilità dell’isola nel mondo. La modalità online garantirà il coinvolgimento diretto del pubblico spontaneo e delle scuole, permettendo un avvicinamento consapevole verso il mondo dell’editoria sarda, e favorendo la promozione e la valorizzazione della cultura della Sardegna attraverso l’idea dello scambio e il superamento dinamico delle distanze. Il titolo scelto per la manifestazione si lega inoltre all’attuale scenario e vuole rappresentare l’idea che "il futuro prossimo dell’oggi e del domani si può avverare soltanto grazie a forme di condivisione partecipata dei saperi, nelle loro variegate declinazioni espressive (parole, immagini e suoni)".

Il programma - L’evento prende il via venerdì 29 gennaio con l’intervento della presidente AES Simonetta Castia, che in apertura illustrerà il programma della manifestazione. Prima opera in calendario sarà "Janas s’incantu", tratto dal progetto Janas-Lab di Alfa Editrice, con la partecipazione dell’autrice Sabrina Barlini. Tutte le attività sono articolate in sezioni dedicate ai mestieri del libro: Fumetti, Graphic novel e illustrazione, Audiolibri e lettura ad alta voce, Ebook e libri digitali, libri ad alta accessibilità. Il ciclo di incontri con gli autori sardi inserito nell’apposita sezione "Tra Isola e mondo", lascerà spazio agli incontri e laboratori con le scuole e alle mostre tematiche, tra le quali "Il mondo di Simone Sanna" e "L’isola dei libri. Vetrina dell’editoria sarda". L'evento si concluderà mercoledì 3 marzo.

Per informazioni
Associazione Editori Sardi
taraspress@gmail.com