Logo Regione Autonoma della Sardegna
SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA SARDEGNA

Anime scalze

Fabio Geda presenta Anime scalze (Einaudi, 2017) e il quarto volume di Berlin, edito da Mondadori e scritto a quattro mani con Marco Magnone.

Quando - domenica 8 ottobre 2017 ore 17:00
Dove - ExMa - Serrenti

Quando - Lunedì 9 ottobre 2017 ore 10:30
Dove - Istituto comprensivo Grazia Deledda - Valledoria
Con Andrea Pau

Quando - Lunedì 9 ottobre 2017 ore 18:00
Dove - Biblioteca comunale - Baressa
Con Andrea Pau

Quest'ultimo appuntamento rientra anche nella rassegna Scrittori a piede lìberos in Alta Marmilla che fino a dicembre toccherà i 19 comuni dell'Unione.

Fabio Geda si è occupato per anni di disagio minorile, esperienza che ha spesso riversato nei suoi libri. Nel mare ci sono i coccodrilli, il suo terzo romanzo, ha venduto quattrocentomila copie, è stato tradotto in ventotto paesi, è letto nelle scuole un po' ovunque e ne sono stati tratti diversi spettacoli teatrali. Tra i suoi libri, Per il resto del viaggio ho sparato agli indiani (miglior Esordio 2007 per la redazione di Fahrenheit; Prix Jean Monnet des Jeunes Européens), L'esatta sequenza dei gesti (Premio Grinzane Cavour; Premio dei Lettori di Lucca), Nel mare ci sono i coccodrilli (Libro dell'anno di Fahrenheit), L'estate alla fine del secolo e Se la vita che salvi è la tua (Einaudi Stile Libero 2014). È tradotto in piú di trenta Paesi. Con Marco Magnone sta scrivendo Berlin, una serie di sei romanzi per ragazzi edita da Mondadori.

Anime scalze, struggente avventura di un ragazzino costretto a diventare adulto da solo, con tutta la leggerezza in cui è maestro, Fabio Geda ci racconta la fatica e la meraviglia di cercare un posto nel mondo. Fra primi amori, padri distratti, madri confuse e segreti scomodi con cui fare i conti. «Quella mattina, ricordo, nel parcheggio del centro commerciale, scendendo dal furgone, afferrando il fucile dal sedile posteriore, ho guardato di sfuggita verso il bosco e mi sono accorto che il sole stava sorgendo sulla campagna come un livido. Era ottobre. Avevo quindici anni».

I lupi del Brandeburgo. Berlin volume 4. Sono passati tre anni da quando un virus ha sterminato gli adulti di Berlino, lasciando ragazzi e bambini allo sbando, divisi in bande rivali. Tre di amicizie fraterne e tradimenti, di amori sbocciati e sfioriti, e soprattutto tre anni di lotte e scontri. Tra le spire di ghiaccio e neve del dicembre 1978, alcune figure misteriose, con indosso inquietanti tute bianche, hanno rapito Nina. Per ritrovarla Jakob, Christa e i loro amici devono spingersi oltre i confini della città, verso il gelido Brandeburgo infestato dai lupi: come i predatori della foresta, qualcuno sta attaccando i ragazzi per tenerli lontani da un'isola dove sta succedendo l'impensabile.